Home > BLOG > CURIOSITA' > Skype trema, decifrato l’algoritmo di protezione

Skype trema, decifrato l’algoritmo di protezione

Fino ad oggi l’elevato livello di sicurezza nelle conversazioni, ha fatto di Skype uno dei client voip più utilizzati. Per stare al sicuro da lamer e cracker molte persone hanno abbandonato di vecchi sistemi di messaggistica a favore del voip criptato.

Purtroppo anche per Skype la pacchia è finita, un uomo di nome Sean O’Neill è riuscito nell’impresa di bucare l’algoritmo RC4 che protegge le conversazioni tramite Skype.

Il team di Skype non ha gradito la sopresa fatta da O’Neill ed ha replicato sostenendo che Sean O’Neill sarebbe lo pseudonimo di Yaroslav Charnovsky. Sempre secondo il team di Skype la sua decodifica dell’algoritmo di sicurezza non farebbe altro che favorire l’ingresso degli spammer e riducendo drasticamente, così, il livello di sicurezza del software.

D’altro canto O’Neill ha pensato subito a monetizzare la sua scoperta, dato che si è detto disponibile a stabilire il prezzo dei suoi risultati con chiunque volesse utilizzare quest’ultimi per scopi commerciali.

Aspettando la prossima  mossa di Skype, rimanete sintonizzati su Informaniaci.it

Fonte: Oneitsecurity

Termini di ricerca frequenti:

  • ha reso il codice sorgente della sua scoperta open, che chiunque volesse provare per i cavoli suoi possa farlo.. ma mi par giusto che non venga utilizzato il suo lavoro per guadagnarci soldi da chi non ci ha investito niente e vuole solo sfruttare il lavoro altrui

    mi sembra un filo di parte questo articolo :/

  • Filo di parte? Riportare gli avvenimenti senza aggiungere giudizi personali è essere di parte?

  • Mi unisco al mio collega, O'Neill ha parlato di vendere la licenza del suo lavoro, non si parla di progetti Open Source rilasciato sotto licenza Gpl