Home > TELEFONIA > Motorola Milestone – Dopo un mese di utilizzo. Recensione e Impressioni.

Motorola Milestone – Dopo un mese di utilizzo. Recensione e Impressioni.

Informaniaci è ormai un mese che ha per le mani il gioiellino della casa americana. Dopo il primo articolo scritto a caldo dove vi abbiamo dato le nostre prime impressioni, ora dopo un mese di utilizzo possiamo darvi delle certezze! :)

Il Motorola Milestone: impressioni, curiosità, trucchi e peculiarità.

Sono state poste molte attenzioni su questo dispositivo. Forse perchè la Motorola stava perdendo terreno sul campo dei cellulari-smartphone, forse perchè voci (assolutamente infondate e pazzesche) davano la Motorola sull’orlo del fallimento o forse a causa del suo nome: Milestone, Pietra Miliare, un nome importante.

Fatto sta che il dispositivo è ormai uscito da più di un mese e la rete è ormai inondata di riscontri di tutti i tipi.

Quello che si sapeva ancora prima dell’uscita e che tutti gli utenti  interessati all’acquisto sanno, sono le solite cose: specifiche hardware, tecniche e software.

Il riscontro che Informaniaci vi vuole dare è sull’utilizzo effettivo del Milestone condito da piccole e grandi curiosità.

Ci sono vari punti di domanda a cui proveremo dare una risposta.

La Batteria

Girovagando sui forum e testando il nostro Motorola abbiamo notato che ci sono molte esperienze diverse riguardo la batteria. Chi afferma che è il vero punto debole, chi afferma che tutto si risolverà con il primo aggiornamento, chi pensa a batterie buggate.

In molti affermano che il Milestone non arriva a vedere la sera se impostato come uno smartphone comanda: 3G, push delle e-mail, connessione wifi, utilizzo della fotocamera e sporadico del GPS.

Personalmente, e vi parliamo di test su due dispositivi diversi, non abbiamo avuto di questi problemi. Il Milestone arriva tranquillamente a sera, superandola anche. Più di un giorno e mezzo non sembra durare.

Un esempio che vi porto si riferisce ad una situazione di carica completa: connessione wifi attivata tutto il tempo, luminosità del display standard, 20ina di foto effettuate, 1 oretta di navigatore, con conseguente GPS, attivo, una 10ina di chiamate di media durata e utilizzo di videogiochi a schermo pieno per un paio di ore in totale. Risultato: 1 giorno e mezzo.

Alcuni commenti del web però sono veramente preoccupanti: alcuni parlano di 5-6 ore massimo.

La spiegazione che vi posso dare (oltre alla presenza sul mercato di batterie buggate) è una sola e riguarda il trattamento della batteria. La batteria usa come tecnologia la Li-ion, ossia accumulatore agli ioni di litio. Piccole accortezze possono permettere alla batteria di durare più a lungo.

  1. In passato i cellulari necessitavano di una prima ricarica molto lunga. Con la tecnologia Li-ion non c’è niente di più sbagliato. Nei primi tempi la batteria deve essere ricaricata più volte e in continuazione, scollegandola dal caricatore non appena viene data l’avviso di carica completa. Ovviamente questo non per sempre. Consiglio quindi di effettuare una 20ina di cicli di ricarica a queste condizioni e solo dopo lasciare il telefono a caricare molto più a lungo.
  2. Altra leggenda che gira vuole la batteria completamente scarica prima di collegarla al caricatore. Nei limiti del possibile cercate di non fare questo errore, quindi collegatela al caricatore sempre con della carica residua evitando lo spegnimento forzato  del cellulare.
  3. L’ultimo consiglio che vi posso dare riguarda la temperatura: le batterie Li-ion hanno bisogno di temperature relativamente basse. Non lasciate mai il cellulare in luoghi dove la batteria si possa surriscaldare.

Se volete avere maggiori informazioni su questa tecnologia potete leggere qui.

In definitiva io non boccio per niente il Milestone lato batteria. Aspetto sì miglioramenti ma non boccio. Per ora purtroppo la tecnologia energetica non va di pari passo con quella degli smartphone e di meglio sul mercato c’è ben poco.

In ogni caso vedremo con l’aggiornamento.

Lo Schermo

Vetro? Plastica Dura? Plasticaccia? Seta?

Di cosa è fatto questo schermo? Molti inizialmente dicevano fosse di vetro. Non è esattamente così. E’ un vetro speciale: il Gorilla Glass prodotto dall’azienda Corning.

Già dai primi “contatti” dà l’impressione di una certa resistenza. Vi lasciamo a due video che parlano da soli: il primo è un test casalingo sulla resistenza ai graffi, il secondo è stato fatto ad uno stand della Corning, l’azienda produttrice, ed espone la potenza e resistenza del Gorilla Glass.

Invece di seguito vi allego un’immagine che spiega le potenzialità del Gorilla Glass

Da questo punto di vista, Milestone promosso a pieni voti.

La Tastiera

Un paragrafo sulla tastiera? Ebbene si.

I Motorola in nostro possesso hanno la tastiera piatta. Con i tasti non ben divisi tra loro. Questo potrebbe portare a difficoltà d’utilizzo. In ogni caso il feedback è buono e se non si hanno dita molto grosse non si hanno molti problemi. Personalmente non abbiamo avuto molti problemi.

Ci sono casi di Milestone che hanno una tastiera invece con tasti bombati che sebbene non divisi tra di loro sono usabili alla perfezione. Forse in corso d’opera i progettisti si sono accorti dell’errore. Quindi prima dell’acquisto assicuratevi di trovarvi bene con la tastiera.

Da questo punto di vista Motorola poteva fare di meglio.

Materiali di costruzione

Niente da dire. Solidissimo e un po di gommatura sul retro che evita sia i graffi che le “scivolate”.

Aggiornamenti e software

Motorola ha già annunciato che vi sarà un aggiornamento ad Android 2.0.1 (fine di gennaio forse) che dovrebbe migliorare sia la durata della batteria che la qualità della fotocamera.

Inoltre entro Marzo dovrebbe esserci anche l’aggiornamento al nuovo Android.

Per tutte le altre curiosità tecniche e hardware vi rimandiamo al nostro precedente articolo.

In conclusione ci sentiamo di consigliare vivamente questo smartphone che rimette in carreggiata (e alla grande) Motorola.

iPhone Killer? Sicuramente di pari livello.

Termini di ricerca frequenti: