Home > BLOG > INTERNET > Google Buzz chiude i battenti: un altro fallimento per Google

Google Buzz chiude i battenti: un altro fallimento per Google

Come tutte le mattine apro Gmail e cosa ti trovo?? Un bell’annuncio che recita cosi:”Google Buzz non ci sarà più, ma potrai conservare i post”. Beh aspettavo questo annuncio da quando ha aperto il servizio Buzz, dato che mi era sembrato un inutile copia, venuta male, di Twitter. 

Sembra che ultimamente i servizi nati dalla mente di Mountain View stentano a decollare e la chiusura di Buzz è sicuramente un campanello d’allarme per gli ingegneri di Google. Servizi come Google Buzz o Google Plus sono molto innovativi ma si trovano a combattere con Twitter e Facebook che negli anni hanno guadagnato una fetta enorme di utenti. Questo dovrebbe far riflettere un po i vertici di Google e portarli su nuove strade invece di copiare dagli altri.

Perché un utente avrebbe dovuto lasciare Twitter per iscriversi su Google Buzz??? Per costringere tutti i suoi amici a iscriversi a Buzz? non ha molto senso e la stessa cosa vale per Google Plus, che per adesso stenta a decollare come si può vedere in questa scherzosa immagine.

Vorrei sentire le vostre opinioni al riguardo e capire se il mio è un pensiero fuori dal coro o se la pensiamo tutti allo stesso modo, quindi commentate commentate commentate.

Termini di ricerca frequenti:

  • Nicola

    Secondo me Google ha deciso di chiudere i battenti a Buzz perché c’è Google+. Buzz era, sempre secondo me, una prova malriuscita di social, che ovviamente è uno spreco mantenere ora che il “fratello maggiore” è venuto alla luce.

    Ora faccio un attimo il punto sui social network dal mio punto di vista, sicuramente toccando qualche nervo scoperto.

    Facebook è diventato inutilizzabile, con la marea di ricondivisioni di massa che ti costringono a cercare i pochi contenuti originali “nella profondità degli abissi” della non-cultura e non-personalità di massa. A volte le poche cose buone vengono ignorate perché c’è tanto di quello “spam” che o passano inosservate o vengono bollate anch’esse come spazzatura.

    Twitter (il mio social network preferito, l’unico che uso costantemente) ha recentemente visto, con mio rande rammarico, un aumento esponenziale di retweet depressi e cose simili che ne stanno minando l’utilità di condivisione reale. 

    Google+ per adesso è un po’ vuoto, ma nemmeno tanto, ma si sta popolando grazie alla diffusione degli smartphone Andorid che lo supportano perfettamente.

    Diaspora… cioè: lo conoscete? Solo per veri Geek 😛

  • Grande Nicola… diciamo che la vedo come te anche se Twitter purtroppo non mi ha mai eccitato, anche perché i miei amici non lo usano molto. Sono iscritto a Diaspora ma è come se non ci fossi dato che ci avrò passato 10 minuti in tutto.
    Per quanto riguarda Facebook concordo in pieno e per questo spesso e volentieri preferisco Google Plus. 
    Grazie per il commento =) 

  • Chiara Ragni

    Concordo pienamente con questo post! Mi chiedo, ma avevamo veramente bisogno di un ennesimo social network??? Perchè dovremmo tutti iscriversi anche a Google Plus o Google Buzz? Cosa offrono di più di quello che abbiamo già con Twitter e Facebook? Io per curiosità innata mi sono iscritta, ma il mio profilo è rimasto morto là… ho letto che Google Plus sta prendendo piede…anche con le aziende, ma… non so fino a che punto sarà utile.
    Stiamo a vedere….

    Chiara IP Facebook

  • Ti sei dimenticata il prossimo social network di microsoft…